Branca E/G – Sole d’Oriente e Stella del Nord

La branca Esploratori e Guide

La Branca Esploratori/Guide si rivolge ai ragazzi dagli 12 ai 16 anni che si uniscono in Unità chiamate Reparti. I fini della proposta educativa della Branca, comuni a tutta l’Associazione, sono presentati in maniera adeguata all’età, rispettando i tempi di crescita dei singoli e della comunità; ad essi debbono ispirarsi tutte le attività del Reparto sia nella fase di preparazione che in quella di realizzazione, sia, infine, in sede di verifica.

Attraverso monti e valli, con le bellezze del paesaggio che mutano ad ogni passo, ti senti un uomo libero.

Non c’è piacere che si avvicini a quello di prepararsi il proprio pasto alla fine del giorno su un piccolo fuoco di braci ardenti; nessun profumo vale l’odore di quel fuoco…

Baden Powell

Il Metodo Educativo

Il punto di forza del metodo è vivere l’avventura, possibilmente all’aria aperta, in cui i ragazzi/e non solo si cimentano in prima persona in attività originali che difficilmente si ritrovano all’esterno dello scautismo, ma possono diventare essi stessi gli ideatori di queste attività, attraverso il sistema delle pattuglie. Obiettivi finali dello scautismo in età esploratori/guide sono: lo spirito di gruppo, la responsabilità, l’autonomia, il corretto sviluppo fisico, la formazione del carattere, il senso civico, la ricerca della propria spiritualità.

La Progressione Personale: il Sentiero

La strada di crescita personale percorsa da ciascun Esploratore o Guida, una volta pronunciata la Promessa, è segnata da tre tappe (scoperta, competenza e responsabilità), che ispirandosi a momenti successivi di maturazione della personalità del ragazzo ne sottolineano un aspetto predominante che non esclude gli altri.

  • Prima tappa: Scoperta. È il desiderio di conoscere le regole del gioco scout, gli incarichi di squadriglia, i posti d’azione, la voglia di vivere le uscite e affrontare nuove esperienze, il desiderio di far parte di questa grande famiglia che è lo scautismo. Il raggiungimento di questa tappa avviene tramite la promessa.
  • Seconda tappa: Competenza. Si consegue con l’esperienza che il ragazzo si fa durante l’anno tramite le uscite, le attività e le specialità che permettono di approfondire i propri talenti, le proprie conoscenze, ma anche conoscere i propri limiti. Il tutto avviene sempre in accordo con i capi Reparto stabilendo e scegliendo insieme obbiettivi e mete. Altri mezzi per ottenere la tappa della competenza possono essere i campetti di specialità, i brevetti, le imprese di squadriglia e/o di reparto dove ognuno mette a disposizione le proprie conoscenze.
  • Terza tappa: Responsabilità. Solitamente viene data ai capi sq. e vice capi sq o ai ragazzi del 4° anno quando hanno raggiunto un vero senso di responsabilità verso la sq per es. durante le uscite di squadriglia, nelle imprese di sq. mettendo la propria COMPETENZA al servizio della squadriglia o del reparto. Si impegnano ad accogliere i ragazzi che passano dai lupetti al reparto o i nuovi arrivati cercando di farli ambientare. Sono punti di riferimento del reparto, su di loro si può fare affidamento.

Notizie dai Reparti